Asus prova il colpo grosso ed al MWC 2018 presenta i nuovi Smartphone della serie Zenfone, in questo articolo ci concentreremo sui due, a nostro avviso, più interessanti ovvero Zenfone 5 e Zenfone 5Z.

La parte estetica è davvero molto curata e sicuramente ispirata ad iPhone X ma questo, secondo noi, è un bene in quanto si tratta di una valida alternativa per chi ama questo design ma preferisce il sistema operativo di Google.

Davanti e dietro troviamo un pannello in vetro Gorilla Glass mentre la cornice è in metallo, ottimi sotto questo aspetto i materiali utilizzati.

Il display è per entrambi da 6,2 pollici con tecnologia Super IPS e risoluzione di 2246 x 1080 pixel con 402 pixel per pollice, il formato è 18.5:9 e quindi allungato per migliorare l’utilizzo con una mano grazie anche alle cornici ridotte, lo schermo infatti occupa il 90 percento della parte anteriore.

I due dispositivi si differenziano per processore, scheda grafica e memorie: Zenfone 5 offre lo Snapdragon 636 Octa Core con 4 oppure 6 GB di memoria RAM e 64 GB di storage interno mentre Zenfone 5Z offre il nuovissimo Snapdragon 845 Octa Core da 2,7 Ghz con 4, 6 oppure 8 GB di memoria RAM e 64, 128 oppure 256 GB di storage interno in entrambi i casi espandibile via Micro SD fino a 400 GB sacrificando uno slot Sim (sono Dual Sim).

Le schede grafiche (GPU) sono rispettivamente Adreno 509 ed Adreno 630, ovviamente il 5Z è un vero Top di gamma a tutti gli effetti mentre il 5 è considerabile un medio gamma di alto livello.

Parlando di fotocamere troviamo davanti un sensore da 8 megapixel f/2.0 Full HD e sul retro un doppio sensore, il primo da 12 megapixel f/1.8 con stabilizzazione ottica ed il secondo invece da 8 megapixel (non confermato attualmente) con grandangolo di 120 gradi, la registrazione video è fino a 4K a 60 fps.

Per il resto troviamo poi una batteria da 3300 mAh con ricarica rapida, jack da 3,5 millimetri, Bluetooth 5.0, NFC, Android Oreo con Zen UI e connettività Gigabit.

Molto interessante il software che comprende lo sblocco con il volto e l’intelligenza artificiale sfruttata in più modi.

Il primo utilizzo dell’IA è nella ricarica della batteria (funzione disattivatile), in pratica il telefono studia quando andiamo a dormire e quando ci svegliamo e gestisce  in automatico la gestione di ricarica portando velocemente all’80 percento l’autonomia, lasciando in standby la percentuale fino quasi al momento in cui ci svegliamo per poi completare la ricarica, tutto questo per preservare la vita del componente stesso.

Altro punto in cui l’intelligenza artificiale viene utilizzata è nella fotocamera in quanto il device, anzi i device, riconoscono la scena inquadrata e migliorano i settaggi per scattare al meglio.

Asus Zenfone 5 dovrebbe arrivare sul mercato durante il mese di Aprile ad un prezzo ancora non comunicato mentre il Top di gamma 5Z ha un listino che parte da 479 euro, un prezzo incredibilmente contenuto considerando materiali ed hardware, brava Asus!