costruito con un processo produttivo FinFET da 10 nanometri di seconda generazione. Stando al comunicato ufficiale diffuso dall’azienda, il SoCs promette di essere estremamente efficiente dal punto di vista energetico: l’utente godrà di un raddoppio delle prestazioni single-core e un miglioramento del 40% negli scenari multi-core. 

Il chip disporrà inoltre di un’unità di elaborazione sicura separata per la gestione di dati personali e biometrici sensibili (come il viso, l’iride e le scansioni di impronte digitali).

Il comparto CPU è affidato alla terza generazione di core personalizzati, otto in tutto, quattro di essi in grado di raggiungere una frequenza fino a 2.9 gigahertz (GHz). Per quanto concerne invece il modulo radio il nuovo Exynos integra un modem LTE da 1.2Gbps Cat.18, in grado di supportare connettività 6CA (Carrier Aggregation) con un downlink fino a 1.2Gbps ed un uplink da 200 megabit al secondo (Mbps).

Supportato anche lo schema 4×4 MIMO (Multiple-Input, Multiple-Output) e 256-QAM (Quadrature Amplitude Modulation), utilizzando la tecnologia Enhanced Licensed-Assisted Access (eLAA).

Il nuovo codec MFC supporta la registrazione e la riproduzione di video con risoluzione fino a UHD a 120 fotogrammi al secondo, è compatibile con lo standard HEVC a 10 bit, supporto VP9 e rendering video fino a 1.024 toni diversi per ciascun colore primario (rosso, verde e blu).

Grazie ad esso, gli utenti potranno godere di una stabilizzazione avanzata per immagini e video fino alla risoluzione UHD, messa a fuoco in tempo reale ad altissima risoluzione, oltre che l’elaborazione di immagini più luminose in condizioni di scarsa illuminazione e rumore e movimento ulteriormente ridotti.

In passato Samsung ha fatto un uso abituale dei chip Qualcomm a bordo dei suoi prodotti in alcuni paesi ed anche con il Galaxy S9 la società potrebbe affiancare lo Snapdragon 845 insieme al suo ultimo Exynos (scelta che potrebbe portare ad una frammentazione di funzionalità tra i vari dispositivi di Samsung stessa).

Ad ogni modo l’Exynos 9810 si trova già in produzione di massa e nel corso dei prossimi giorni non solo sapremo di più riguardo le scelte commerciali del produttore, ma verranno diffuse anche tutte le caratteristiche tecniche e le ultime informazioni mancanti riguardo al chip.